Santa Rita: La Santa delle Cause Impossibili

Santa Rita da Cascia, nata Margherita Lotti nel 1381 a Roccaporena, un piccolo villaggio vicino a Cascia in Umbria, è una delle sante più venerate della Chiesa Cattolica. È conosciuta come la “Santa degli Impossibili” per i numerosi miracoli attribuiti alla sua intercessione.

La Vita di Santa Rita

Nata a Roccaporena nel 1381, figlia unica, Margherita Lotti coltivava fin da giovane il sogno di consacrarsi a Dio, ma fu destinata al matrimonio con un uomo violento. La pazienza e l’amore di Rita lo cambiarono, ma alla fine la vita del marito fu spezzata da un omicidio. Morti anche i due figli di malattia, Rita, che convinse la famiglia del marito a non vendicarsi di chi aveva ucciso il figlio, decise di seguire il desiderio giovanile entrando nel monastero dell’Ordine di Sant’Agostino a Cascia. Morì nel 1447 (o forse nel 1457).

La Santa degli Impossibili

È considerata la santa degli impossibili perché si ricorre alla sua intercessione nei casi che sembrano disperati. La sua vita è un esempio di fede incrollabile e di speranza contro ogni avversità. Ha lasciato tracce di numerose opere miracolose sia in vita, che dopo la morte. Guarigioni che sembrano inspiegabili sono state attribuite alla sua intercessione.

Il Simbolo della Rosa

Tradizionalmente, la figura di Santa Rita è collegata al dono di una rosa. Questo particolare si spiega con un episodio della sua vita, quando, ormai prossima alla morte, Rita era costretta a letto e si nutriva pochissimo. Ricevendo la visita di una parente le chiese una rosa proveniente dalla sua terra. La visitatrice obiettò che si era in pieno inverno ma Rita insistette. In effetti la parente, con grande stupore, trovò una bella rosa sbocciata tra la neve che colse portandola alla santa che a sua volta la consegnò alle consorelle.

Santa Rita da Cascia è un modello di vita più che mai valido anche oggi. La sua storia è un esempio di come la fede possa superare le avversità più grandi e come l’amore e la pazienza possano cambiare le persone e le situazioni più disperate. Per questo motivo, è venerata come la Santa delle Cause Impossibili e continua ad essere una fonte di ispirazione per molti.

Lascia un commento